Il Referendum è finito ed io ringrazio tutti


Ringrazio tutti quelli che hanno votato SI: abbiamo condiviso un progetto, un’idea.

Ringrazio tutti quelli che hanno votato NO: avevamo progetti opposti per il nostro Paese, ma ci siamo confrontati con chiarezza.

Ringrazio tutti coloro che sono andati a votare, ma non sono riusciti ad esprimere un voto valido o per scelta o per disattenzione: la vostra azione ha comunque contato.

Ringrazio tutti coloro che si sono astenuti consapevolmente: avete pensato avete fatto una azione politica che non condividevo ma che comunque era legittima.

Ringrazio coloro che per lavoro o malattia o impegni inderogabili non sono riusciti ad andare votare: non dipendeva da voi.
E ringrazio soprattutto te che anche questa volta non ti sei informato, che hai preferito stare a casa o andare via, che non sapevi neanche dell’esistenza del rerendum o che semplicemente non avevi voglia. Si ringrazio proprio te che ogni giorno ti lamenti ma non fai assolutamente nulla per cambiare la tua, la nostra situazione: grazie per l’Italia che reputi essere “Un Paese di merda”, ma che in fondo lo è anche per colpa tua.

Perché andrò a votare SI al referendum del 17 aprile


Questa domenica andrò a votare Si al referendum per dare un contributo nonché un segnale politico sulla rotta economica ed ambientale: sarebbe l’ennesimo referendum dove lo Stato ci chiede che direzione energetica ed ambientale intraprendere ( come sono stati i due sul nucleare e quello dell’acqua), e con la vittoria del SI, confermeremmo le intenzioni di noi cittadini. E’ vero: magari non noteremo subito i cambiamenti ma bisogna pur iniziare a fare questi passi altrimenti non ci si sposta di un millimetro.

Come già detto andrò a votare un convinto SI e andrò prima delle 12:00 per far vedere al paese che la nostra opinione conta e che non vogliamo che l’Italia sia fanalino di coda in nulla tanto meno dal punto di vista ambientale.

Ci tengo a smentire un po’ di bufale lette in Rete  che tendono le persone a non andare a votare, ricordo che in caso di astensione si potrebbe ancora legiferare in materia con il rischio che lo stato avvantaggi ancor di più le compagnie petrolifere a discapito di noi comuni cittadini!!

Trovo abbastanza retrogrado nel 2016 investire ancora in idrocarburi come fonte energetica: mentre tutto il mondo investe altrove : saremmo fuori dal mercato.

La percentuale degli idrocarburi estratta si aggira attorno al 3% Metano e 0,8 petrolio del fabbisogno nazionale.

Tale percentuale non influisce sul mercato ne tanto meno nelle nostre tasche: anche se parastatali gli enti che estraggono sono sempre privati quindi gli introiti se li tengono loro lo stato non guadagna niente e anzi non pagano concessione.

Ricordo che il costo  dei carburanti è maggiore rispetto ad altri paesi non perchè dobbiamo importare petrolio ma a causa delle accise statali.

I posti di lavoro interessati da questo referendum non sono 11000 come voglio farci credere ma qualche decina di persone, sarebbe come a dire che in Italia si vieta di fare i grissini con lo strutto quindi TUTTI i fornai non hanno più un lavoro.

Le persone che lavorano sulle piattaforme non verrebbero licenziate in tronco  ma a seguito della chiusura che non sarà istantanea verranno dislocate (per fortuna chi ha dei contratti di lavoro è tutelato)

Le piattaforme non verrebbero abbandonate ma verrebbero smantellate  salvaguardando l’ambiente  a spese delle compagnie petrolifere.

La Croazia non estrai più petrolio nello stesso tratto di mare : prima un governo di centro sinistra l’ha abolito, poi un governo di centro destra lo ha confermato, forse hanno capito che il turismo ne giova.

Non è vero che il gas dei nostri fornelli può venire solo dal sottosuolo: esistono metodi di produzione di gas metano tramite la decomposizione di bio masse ( il nostro rifiuto umido) se investissimo per riutilizzare i nostri scarti anzichè incenerirli inutilmente forse sarebbe meglio.

Volete ancora altri motivi per votare SI?

Ve li da Ersilio Mattioni:

1. La bufala del quesito troppo tecnico

Si ripete da mesi che il quesito è troppo tecnico e difficile da capire. Ci si chiede se chi sostiene queste cose l’abbia letto, perché il referendum è di una semplicità disarmante: si chiede agli italiani se le trivellazioni in mare entro le 12 miglia dalle coste debbano finire alla scadenza delle convenzioni oppure se le aziende possano continuare a trovellare anche in assenza di convenzioni con lo Stato, finché il giacimento è attivo. Una cosa del genere non succede in nessuna parte al mondo.

2. Il voto è inutile? Affatto, è vero il contrario

Non è vero, come si ripete da mesi, che il voto sia inutile. Se vincono i ‘no’ o se il referendum fallisce per mancanza di quorum, le concessioni a 88 piattaforme saranno automaticamente prorogate, facendo un mega regalo ad aziende e lobby che non intendono smantellare le piattaforme.

3. Non ci sono rischi per l’ambiente? Parliamone

Il 47,7% delle piattaforme per l`estrazione di gas e petrolio (42 su un totale di 88) entro la fascia delle 12 miglia sono state costruite prima del 1986, in assenza di una legge che valuta l’impatto ambientale. Quindi queste 42 trivelle non sono mai sottoposte a una valutazione di impatto sull’ambiente: 40 di queste piattaforme sono in Adriatico, 26 delle quali davanti alla costa romagnola.

4 . Nessun rischio di incidente? Bugia clamorosa

Questa è forse la bugie più clamorosa raccontata dagli anti-referendari: dal 1955 a oggi ci sono stati 573 incidenti, il più importante è quella della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon che ha provocato danni ambientali pari a 20 miliardi di dollari. Di incidenti, insomma, ce ne sono stati molti e con conseguenze devastanti sia sull’ambiente sia sulla salute.

5. Le attività di estrazione non inquinano? Magari

Le più avanzate ricerche geo-sismiche hanno dimostrato che ‘esplosioni’ provocano danni permanenti ai cetacei, in alcuni caso ne determinano la morte. (fonte: ISPRA, istituto di ricerca del Ministero dell`Ambiente). Inoltre, nella fase di estrazione, possono generarsi fenomeni di subsidenza, con abbassamento dei fondali ed erosione delle spiagge. Infine, vengono usate sostanze pericolose o tossiche contenute nelle ‘acque di produzione’ e nei ‘fanghi perforanti’. Chi racconta che le estrazioni non inquinano è un incosciente.

6. Lo Stato ci guadagna? No, ci perde

Sembra incredibile, ma in virtù dei vecchi accordi (che potrebbero essere rinegoziati se vince il ‘sì’) solo 8 aziende su un totale di 69 concessioni rilasciate pagano le ‘royalty’ del 7% sul petrolio estratto allo Stato e alle Regioni. Gli altri non pagano nulla.

7. L’occupazione e il ricatto dei posti di lavoro

Un’altra bufala pazzesca. Gli ultimi dati Istat dicono che nel 2015 si sono perduti 10.000 posti di lavoro nel settore delle trivellazioni. Ma questo potrebbe essere dovuto alla crisi. Invece quello che accade in Basilicata (regione che produce il 70% del petrolio italiano e il 20% del gas) è incredibile. Qui ci sono soltanto 1.600 le persone occupate nel settore dell’estrazione degli idrocarburi e 2.400 persone che lavorano grazie all’indotto. Il vero problema, sul quale tutti tacciono, è però un altro: le attività estrattive stanno uccidendo il vero business della Basilicata, mettendo a rischio 47.000 aziende turistiche costiere e oltre 60.000 posti di lavoro nella pesca.

8. L’inquinamento da idrocarburi

In questo caso ci sono le analisi e gli studi medici inconfutabili: le sostanza prodotte a regime sono pericolose o tossiche. Gli idrocarburi contenuti nel greggio hanno effetti cancerogeni e mutageni. L’inquinamento chimico ha effetti mortali a lungo termine o immediati sulla fauna marina.

9. Le scelte della politica a favore delle lobby

E’ dal 1988 che in Italia non viene più preso in mano il Piano Energetico Nazionale. Oltre alla fallimentare strategia energetica pro-fossili del 2013 (che non ha dato un solo risultato), all’inizio del 2016 il governo Renzi ha cancellato il Piano delle aree per lo svolgimento delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi che doveva essere sottoposto, per la prima volta, alla Valutazione ambientale strategica (la cosiddetta Vas). Risultato: le lobby, che finanziano da sempre governi di destra e sinistra, continua a fare ciò che vogliono in un incredibile regime di deregulation.

10. Fonti fossili fondamentali? Sì, per 7 settimane

Secondo le stime più recenti, le riserve di petrolio individuate in mare potrebbero coprire il fabbisogno energetico nazionale per 7 settimane al massimo. Le fonti fossili, per l’Italia, sono dunque residuali: paghiamo un prezzo altissimo in inquinamento e rischi per la salute, ma non ne ricaviamo assolutamente nulla. Al contrario, con le energie rinnovabili (e con adeguati investimenti) potremmo arrivare a coprire il 90% del nostro fabbisogno.

Detto questo : BUON VOTO!

Raid di furti nella notte a Grugliasco

Un brutto risveglio quello di stamane per me e per molte altre persone che risiedono nei quartieri  tra via Cotta e via Perotti: decine di box auto  forati nelle lamiere e aperti per frugare e poi rubare cosa vi era riposto all’interno. Sono già stati segnalati casi di furti di bici molto costose. sembra siano stati salvati i box con doppia serratura poiché i malviventi hanno preferito un lavoro decisamente più veloce ( un solo foro che permette di sbloccare l’apertura della porta dall’interno). Immediato il riscontro delle forze dell’ordine, carabinieri e vigili urbani, che dall’alba erano già sui luoghi dei fatti,

Vi ricordo che per facilitare le pratiche di denuncia gli amministratori condominiali possono fare denuncia dei danni nelle parti comuni iniziando a segnalare gli eventuali furti che dovranno poi essere accompagnati da denuncia del soggetto privato coinvolto.

Il 17 aprile non andare al mare: salvalo

Perché vi lamentate del figlio di Vendola?

Si parla di etica, di uteri in affitto di persone che decidono per altre se una cosa è lecita o eticamente accettabile, le opinioni di chiunque sono sacrosante sia di chi è pro e sia chi è contro ma una cosa le accomuna: non potranno mai sapere cosa Nichi ed il suo compagno E stiano provando, del cammino e delle decisioni che hanno fatto insieme ad altre persone, dite di difendere la famiglia,  i bambini  e l’amore ma in realtà ne state parlando come fossero oggetti: non potete sapere cosa ha spinto o cosa spinge più in generale le persone a fare la scelta che hanno fatto loro. Non potete cavarvela con “un vezzo da ricchi” , “potevano adottarne uno”, ognuno fa le sue scelte che sono e rimarranno personali. Non indigniamoci se le scelte che hanno fatto son servite solo a donare amore.

Detto questo auguro a tutti di poter scegliere ed esercitare liberamente la propria opinione a riguardo, cosa che in Italia non è (purtroppo) ancora possibile.

I rifiuti negli inceneritori non spariscono: ecco dove vanno a finire

Perché non dobbiamo scandalizzarci se un sindaco non paga le tasse

Il polverone scatenato dall’ex sindaco di Grugliasco Mariano Turigliatto nei confronti del suo successore Robertò Montà è giusto quanto esagerato: Turigliatto ha notato come Montà non abbia pagato delle imposte sull’”immondizia”  e  ICI negli ultimi 4 anni, Montà si è scusato Pubblicamente ed oltre a provvedere al pagamento delle imposte mancanti si è giustificato accusando la moglie e dicendo che pensava fossero domiciliate.
Sicuramente sarà stato un errore involontario ( e quale pubblico amministratore lo farebbe apposta), ma un fatto ,più grave del fatto che un sindaco “accusi la Moglie dell’inadempienza” e che non sappia che la Tari  e ICI non possano essere domiciliate sul conto bancario vi è l’esistenza di un sistema di verifica di pagamento delle imposte totalmente fallato: come è possibile che nessuno si sia accorto di questo errore in 4 anni? Il sindaco è stato mai avvisato? Se no perché? Quanti sono gli “evasori” del comune di Grugliasco, che magari nemmeno lo sanno? Quanti soldi possono o devono essere ancora recuperati?
Scandalizziamoci di questo, non perché un sindaco non paghi le tasse e provveda a farlo in ritardo.